La comunicazione post-fiera: ecco perché investire in servizi fotografici professionali conviene.

Le Fiere, come ogni altro evento, rappresentano per i brand un’importante vetrina che offre interessanti opportunità di visibilità. Ecco perché per un brand la scelta degli stand, degli allestimenti e del modo di esporre e presentare i prodotti diventano elementi fondamentali per differenziarsi dalla concorrenza e farsi notare dal pubblico. Inoltre, se supportati da una buona documentazione fotografica realizzata da fotografi professionisti in loco, i brand che partecipano alle Fiere possono trarre numerosi vantaggi e presentarsi con la propria offerta di gamma verso nuovi mercati.

Fiere_Armani_2

La Fiera è uno dei momenti più importanti nella comunicazione di un’azienda e rappresenta un preziosissimo strumento commerciale e di marketing perché è un luogo di contatto privilegiato tra chi espone e il suo target: chi vi partecipa, infatti, ha scelto di stare in prima linea e di lanciare un messaggio ben preciso alla propria clientela.

E’ fondamentale dunque, per i brand che decidono di presenziare in Fiera, pianificare e organizzare ogni azione di comunicazione e relazione, con l’obiettivo primario di lavorare sulla corporate identity e accrescere la propria brand reputation. 

La comunicazione si attua, in primo luogo, attraverso l’allestimento dello spazio espositivo. Lo stand è il “biglietto da visita” con cui un brand si presenta al visitatore, il primo elemento di contatto che trasmette informazioni sull’azienda. L’allestimento deve essere studiato per favorire l’instaurarsi di una relazione “amichevole”, il visitatore deve sentirsi a suo agio e sentire che il personale presente è a sua disposizione per agevolargli la visita.
Gli operatori addetti allo stand agli occhi del visitatore rappresentano l’azienda stessa, perciò dovranno essere particolarmente motivati, informati e preparati rispetto agli obiettivi.

Ma per avere successo uno stand ben costruito e un personale altamente preparato non bastano: per fare la differenza bisogna andare oltre e creare un vantaggio competitivo rispetto alla concorrenza. Ecco perché diventa di estrema importanza l’attività di promozione e di comunicazione dell’evento, soprattutto nella fase post-fiera che è quella che generalmente viene trascurata.

Di solito, infatti, si tende a dare molta attenzione alla fase preparatoria e al momento stesso della presenza in Fiera, mentre nella fase successiva all’evento ci si concentra soprattutto sull’analisi quali-quantitativa dei risultati e sulla valutazione del costo contatto per definire azioni di follow-up sul target obiettivo, senza più curarsi della comunicazione d’immagine.

Cosa si può fare, invece, per continuare a promuovere la propria immagine di marca anche nel periodo successivo alla Fiera ?

La cosa più semplice e utile da fare è quella di pianificare un servizio di documentazione fotografica in loco, affidandosi a fotografi professionisti dedicati agli stand, agli allestimenti e all’esposizione prodotti dei brand partecipanti.

Bastano pochi scatti ben fatti per comunicare il posizionamento di un’azienda e consolidare la propria immagine di marca. Inoltre, il servizio di documentazione fotografica può diventare un potente strumento di comunicazione per testimoniare la buona riuscita dell’evento, suscitare interesse verso nuovi bacini di utenti e raggiungere nuovi segmenti di mercato, anche esteri.

Noi di MediaContents sappiamo quanto è importante la comunicazione per immagini. Per questo, abbiamo deciso di presenziare alle principali Fiere di settore in Italia e all’estero con fotografi professionisti del nostro team. 

Clicca qui per vedere le Fiere in cui MediaContents sarà presente: http://bit.ly/fiereMediaContents

Per maggiori dettagli, info su costi e presenza in Fiere di settore all’estero scrivi a ufficio@mediacontents.net o chiama il 339-2374542.

Riprese aeree con droni: quando utilizzarle?

Se è vero che la domanda di riprese aeree con i droni è in continua crescita, è altrettanto vero che spesso tale richiesta viene fatta senza sapere esattamente quali sono i loro corretti ambiti di utilizzo.

Vediamo insieme quando le riprese aeree dall’alto possono fare la differenza.

DJI_0005

EVENTI E INCENTIVE

Gli eventi sono senz’altro il terreno privilegiato per effettuare riprese aeree con i droni: la vista dall’alto della location che ospita l’evento, l’esclusività degli scorci panoramici che si possono scoprire laddove non arriva l’occhio umano e la suggestiva visione di insieme di una porzione di mondo rubata, offrono quel “qualcosa in più” che fa la differenza. E che rendono l’evento memorabile.

Spettacoli, gare, dimostrazioni, concerti, manifestazioni sportive, eventi all’aperto e incentive: tutte le attività che permettono di effettuare riprese dall’alto e in esterna sono sicuramente adatte all’utilizzo dei droni.

In particolare, questi “aeromobili a pilotaggio remoto” sono molto utilizzati durante gli eventi incentive, dove è sicuramente opportuno mostrare, con immagini spettacolari e accattivanti, tutta la bellezza dei luoghi/paesaggi che ospitano questo tipo di iniziative.

Grazie alle riprese aeree, infatti, è possibile dare uno sguardo a tutto tondo all’evento e valorizzare, in maniera realistica ma allo stesso tempo suggestiva, tutti quei momenti che permetteranno di far rivivere la brand experience e tutte le emozioni vissute dai partecipanti.

VIDEO ISTITUZIONALI E DI PRODOTTO

Un altro ambito in cui i droni trovano ampio spazio sono le riprese di video istituzionali commissionati da tutte quelle realtà aziendali che necessitano di mostrare il territorio in cui operano e/o il funzionamento dei prodotti che realizzano. Vediamo qualche esempio.

AZIENDE AGRICOLE

Droni aziende agricole

La domanda di riprese aeree con i droni proviene, in molti casi, da aziende agricole, di allevamento o ittiche per cui è fondamentale offrire una vista panoramica dall’alto per far conoscere al pubblico il loro territorio di appartenenza e valorizzare la bellezza naturale, nonché faunistica che possiedono. Oppure, per mostrare le fasi di coltivazione di un terreno agricolo, o il processo produttivo che dalla materia prima porta alla realizzazione del prodotto finale, passando attraverso il controllo di filiera.

Il risultato che si ottiene è un racconto, una storia di una realtà imprenditoriale radicata sul territorio, che mostra se stessa in tutta la sua semplicità e genuinità.

INDUSTRIA ED EDILIZIA

Riprese aeree tecnologia

I droni sono richiesti anche da tutte quelle realtà che lavorano nel campo edile o industriale e che intendono mostrare, da un nuovo punto di vista, il fascino dei loro prodotti.

Grazie alla successione di fotogrammi accattivanti che regalano le riprese aeree, infatti, è possibile raccontare ad esempio come vengono costruiti complessi abitativi e grattacieli, spiegare il funzionamento di un macchinario industriale, oppure ancora svelare, attraverso una storia fatta di immagini suggestive e affascinanti, il legame tra impianti eolici e il territorio.

Non importa quale sia il prodotto oggetto della narrazione, l’importante è valorizzarne abilmente ogni aspetto e dare un tocco di umanizzazione al racconto, per renderlo più appealing e apprezzato dal pubblico.

AUTOMOTIVE

Altro settore in cui è frequente la domanda di riprese aeree con i droni è quello dell’automotive, settore in costante ricerca di novità ed esclusività.

Qui il valore aggiunto delle riprese aeree consiste nel far percepire agli spettatori la qualità e le potenzialità di determinati tipologie di automobili. Il focus è sulle prestazioni delle auto in movimento e sul loro confronto. Le riprese devono quindi mostrare le migliori performance in scena e sedurre il pubblico, spettacolarizzando ogni passaggio.

DOCUMENTARI, MOSTRE E MUSEI

Anche la cultura può richiedere il servizio della tecnologia per mettersi in scena e raccontarsi al pubblico in un modo nuovo.

Non è raro, infatti, trovare Musei che commissionano servizi di riprese aeree per documentare la propria presenza sul territorio, mostrare il loro posizionamento all’interno di una città e presentare le loro opere d’arte da punti di vista che l’occhio umano, da solo, non può cogliere.

Il risultato? Immagini suggestive e cariche di pathos, che introiettano lo spettatore in una realtà nuova, dal sapore quasi magico.

DOCUMENTAZIONE DI INSTALLAZIONI E STAND PER EVENTI

I droni vengono spesso utilizzati anche per riprese più tecniche e di backstage, che mostrano il retroscena di un evento.

Tramite le riprese dall’alto è possibile mostrare agli spettatori, ad esempio, come è avvenuto il montaggio di un’installazione o tutte le fasi operative che hanno portato alla realizzazione di uno stand. Nei video di reportage di un evento sono sempre molto apprezzate le riprese di backstage, perché mostrano “quel lato oscuro” che tutti vorrebbero conoscere ma che in pochi, in realtà, se la sentono di svelare.

AEROFOTOGRAMMETRIA

Il campo di applicazione dei droni va oltre gli eventi e i video documentazione di reportage.

Un nuovo ambito in cui l’utilizzo di aeromobili a pilotaggio remoto sta prendendo sempre più piede è l’aerofotogrammetria. Un’attività meno consumer delle precedenti, che si applica soprattutto al campo della cartografia, ma anche per rilevazioni geologiche e archeologiche.

L’aerofotogrammetria è la tecnica di rilievo più utilizzata nella produzione di cartografia tecnica, grazie all’elevata produttività e alla precisione di restituzione, uniforme su tutta l’area rilevata.

La richiesta di droni per questo tipo di riprese è in forte crescita per una serie di motivi: innanzitutto, i droni hanno costi contenuti rispetto alle riprese aeree effettuate con elicotteri e sono facilmente gestibili e trasportabili in loco. Inoltre, permettono di realizzare riprese aeree molto precise, grazie all’acquisizione di un elevato numero di fotogrammi, che si traducono in fotografie panoramiche in pianta nitide e ben definite.

CONSIDERAZIONI FINALI

Abbiamo visto quanto sia vasto l’ambito di utilizzo dei droni: qualsiasi brand può quindi utilizzare le riprese aeree per le più svariate esigenze di comunicazione.

E’ fondamentale però conoscere anche i vincoli e limiti che ne regolamentano l’utilizzo e affidarsi a partner affidabili e piloti certificati ENAC, che siano in grado di far volare i droni in tutta sicurezza e che garantiscano un servizio di qualità.

MediaContents già da tempo ha stretto una partnership con professionisti certificati del settore, per offrire ai propri clienti un servizio di riprese aeree all’avanguardia e garantire produzioni di qualità.

Eccone un esempio.

 

Nuove tecnologie per gli eventi: Mediacontents sviluppa software integrando iBeacon.

Nuove tecnologie per gli eventi: Mediacontents sviluppa software integrando iBeacon.*

Una tecnologia che si sta diffondendo velocemente nell’ambito di fiere e congressi, dove gli espositori possono utilizzarle per attività di marketing e per acquisire dati e contatti mirati. Sono le tecnologie chiamate comunicazione di prossimità (near field communication), identificazione a radio frequenza (radio frequency identification) e Beacon.
Mediacontents offre la possibilità di integrare questa tecnologia all’interno della piattaforma proprietaria Dashboard, il mini sito “tuttofare” studiato per promuovere, gestire, organizzare l’evento.

 

 

I Beacon sono piccoli trasmettitori radio che utilizzano il segnale bluetooth a basso consumo energetico per inviare notifiche fino a 100 metri di distanza agli smartphone abilitati a riceverli. Quando la tecnologia è collegata ai dati di registrazione dei partecipanti, gli espositori che si sono dotati di iBeacon possono sapere esattamente chi si ferma al loro stand e inviare messaggi informativi o promozionali a chi si trova entro il raggio d’azione del trasmettitore. Gli organizzatori del congresso possono utilizzarli per inviare messaggi di benvenuto ai delegati non appena varcano la soglia del centro congressi o fornire loro aggiornamenti sulle eventuali modifiche al programma.

Vantaggi
Gli iBeacon hanno un costo ridotto di circa 5 euro l’uno; funzionano con batterie di lunga durata e sono grandi quanto una moneta, quindi facilmente posizionabili ovunque. La distanza di trasmissione dei dati può essere stabilita a priori, così da non intercettare chi magari è troppo lontano. E’ necessario che i partecipanti scarichino la app apposita e vi si registrino, e che attivino la ricezione del segnale Bluetooth. Occorre pertanto comunicare efficacemente l’opportunità e contare sul fatto che i partecipanti si mettano in condizione di “interloquire” con gli iBeacon.

 

* Per approfondimenti cliccare qui per leggere l’articolo originale su EventReport